Come funziona la cessione del credito e sconto in fattura - Offerta serramenti Torino

L’8 agosto 2020 il governo ha introdotto la possibilità di cedere le detrazioni su lavori edili e di ristrutturazione, sull’ecobonus, sul sismabonus e sul superbonus del 110%*, così che il cliente possa ottenere lo “sconto in fattura” o la “cessione del credito d’imposta” anche quando acquista nuovi infissi e serramenti a Torino. Si potranno quindi effettuare diversi tipi di lavoro, dal recupero di un edificio, all’efficienza energetica fino all’installazione di impianti fotovoltaici. Il discorso vale anche per gli infissi e serramenti Torino e provincia: noi di Fratelli Bosio offriamo una vasta scelta di porte e finestre in ogni stile, che potranno andare a sostituire i tuoi vecchi infissi. Vediamo come funziona esattamente la cessione del credito e lo sconto in fattura, così da poter proseguire il prima possibile con la burocrazia.

Sconto in fattura e Cessione del credito – offerte infissi a Torino

Il Decreto Rilancio ha deciso di offrire lo sconto in fattura e la cessione del credito per varie categorie: per gli interventi con il superbonus 110%*, per quelli rientranti nell’ecobonus tradizionale, nel bonus ristrutturazioni e nel bonus facciate. Il vantaggio sta nel fatto che puoi detrarre tutte le spese (o una parte) indirizzate ad interventi edili. In poche parole il concetto è questo: grazie agli sconti sulle tasse, recuperi in più anni le spese sostenute. La differenza tra sconto in fattura e cessione del credito sta nel fatto che:

lo sconto in fattura implica il fatto che l’impresa che farà i lavori anticiperà la spesa detraibile, quindi non dovrai versare nulla. L’impresa però potrebbe cedere il credito alle banche;
la cessione del credito implica che puoi cedere il credito a terzi, senza aver bisogno né di imprese né di fornitori.

Come ricevere lo sconto in fattura acquistando nuovi serramenti a Torino

La domanda che sorge spontanea è: come si ottiene lo sconto in fattura? Si basa sulla volontà dell’impresa che può scegliere di accettare o meno la richiesta del committente. Se l’impresa dimostra un interesse e da il suo consenso, lo sconto in fattura può essere molto conveniente: consente di non sostenere esborsi finanziari. Nel caso di utilizzo diretto, il contribuente dovrà aspettare 5 anni prima di rientrare nell’investimento effettuato, anche se beneficerà del 110%*.

Lo sconto in fattura può essere sfruttato in vari casi:

• Bonus ristrutturazione per interventi di manutenzione, restauro e ristrutturazione edilizia;
• Ecobonus del 110%;*
• Bonus facciate;
• Ecobonus del 50%, 65% per sostituzione degli infissi, caldaia a condensazione; installazione del cappotto, dei pannelli solari;
• Sismabonus per gli edifici nelle zone sismiche 1, 2 e 3;
• Installazione di impianti fotovoltaici;
• Posa di colonnine per la ricarica delle auto elettriche.

Il bonus mobili e il bonus verde non sono compresi nello sconto in fattura. Sono comunque molte le occasioni in cui è possibile usare lo sconto in fattura, vediamo invece come funziona la cessione del credito.

Come ottenere la cessione del credito per nuovi infissi a Torino

La cessione del credito rappresenta la cessione dell’importo, in tutto o in parte, che corrisponde alla detrazione spettante all’impresa che esegue i lavori ma anche agli istituti di credito o altri intermediari finanziari. Sarà compito del contribuente effettuare i dovuti bonifici, così potrà cedere il credito all’impresa, disposta a prendersi il credito che si vuole cedere. Ribadiamo che l’impresa può esprimere il suo consenso positivo o negativo, se non accetta non si potrà proseguire. Essa può anche decidere di cedere ad operatori economici il credito d’imposta.

La quota dei crediti d’imposta che non viene utilizzata entro il 31 dicembre dell’anno corrispettivo non potrà essere usata negli anni a seguire, quindi verrà persa. Se l’impresa decide di non accettare la cessione del credito, potrebbe nascere una difficoltà dato che il contribuente dovrà sostenere da solo le spese, prima di trovare un istituto di credito.

Sconto in fattura e/o cessione del credito?

Il vantaggio dello sconto in fattura e della cessione del credito sta nel fatto di cedere il credito a intermediari finanziari.

Alcune spese saranno limitate e altre addirittura gratuite. Inoltre, possono sfruttare lo sconto in fattura anche gli incapienti (chi non presenta la dichiarazione dei redditi). E’ possibile anche chiedere uno sconto parziale, ovvero lo sconto di una parte delle spese. L’accordo dipende molto dall’impresa con cui hai deciso di collaborare, quindi cerca sempre di scegliere un’impresa affidabile.

Noi di Fratelli Bosio possiamo essere l’impresa che fa per te, offriamo infissi e serramenti a Torino e provincia, in varie città come Cambiano, Chieri e molte altre.

I nostri prodotti sono di qualità, offriamo infissi in stile moderno ma anche classico o contemporaneo, adatti a vari tipi di edifici differenti. Le nostre finestre sono innovative, così come le maniglie e le porte. Nel nostro sito puoi vedere tutti i prodotti e le loro varie caratteristiche.

Se sei interessato alla cessione del credito o allo sconto in fattura e stai pensando di iniziare i lavori sul tuo edificio, contattaci e ne parleremo assieme.

 

FAQ su Cessione del credito e sconto in fattura su infissi e serramenti Torino

In quali casi posso utilizzare lo sconto in fattura?

Lo sconto in fattura si può utilizzare in vari casi: per la ristrutturazione di un edificio, per edifici che si trovano nelle zone sismiche 1, 2 e 3, per la sostituzione di infissi, per l’installazione della caldaia a condensazione, per l’installazione dei pannelli solari, del cappotto, per il bonus facciate, per la ricarica di auto elettriche. Non sono inclusi i bonus mobili e il bonus verde. Se rientri in una di queste categorie puoi richiedere lo sconto in fattura, seguendo le dovute procedure.

Che differenza c’è tra sconto e cessione?

Per chi non mastica bene la materia deve sapere che, con lo sconto in fattura, l’impresa che si occuperà dei lavori anticiperà la spesa detraibile: non dovrai versare nessuna somma di denaro. C’è un vincolo però: l’impresa potrà cedere o meno il credito alle banche. Nel caso di cessione del credito, invece, potrai cedere il tuo credito a terzi, quindi senza contattare le imprese e i fornitori.

Come si valida la cessione del credito?

Per validare la cessione del credito dovrai contattare l’Agenzia delle Entrate annualmente e presentare i dati dell’impresa/fornitore, l’accettazione da parte di quest’ultimo e l’importo. Questa comunicazione è estremamente importante, senza di essa la cessione del credito non verrà validata.

*ATTENZIONE! Noi di Fratelli Bosio effettuiamo UNICAMENTE lo Sconto in fattura e la Cessione del credito di imposta